Intervento Emorroidi: i vantaggi della tecnica ELP

Posted on

La rimozione chirurgica è il metodo migliore per la rimozione permanente delle emorroidi.

Consiste nella legatura dei vasi arteriosi che afferiscono ai cuscinetti emorroidari, a cui si aggiunge una pessia della mucosa (sutura a fisarmonica della mucosa anale debordante). I vantaggi della Laser Emorroidectomia, una terapia all’avanguardia, sono: • assenza di anestesia locale, • rapidità di esecuzione, il tempo dell’intervento dipende dal numero di emorroidi da trattare ma difficilmente supera i 30 minuti, Questa tecnica può comportare la comparsa di dolore e di sanguinamenti a differenza della tecnica di laser emorroidectomia mediante fotocoagulazione dei rami dell’arteria emorroidaria superiore. La legatura elastica delle emorroidi è un una metodologia poco invasiva utilizzata nelle fasi iniziali della patologia emorroidaria. Solitamente si ricorre alla legatura elastica in caso di emorroidi di I° o II° grado, negli stadi più avanzati della malattia non si è dimostrata altrettanto efficace. È un intervento che viene effettuato in ambulatorio senza anestesia utilizzando un proctoscopio (un sondino che viene introdotta nell’ano) ed un legatore per emorroidi. Anche se di norma la legatura elastica è un trattamento indolore, se l’elastico non viene posizionato sull’emorroide nella maniera corretta, può risultare molto doloroso. Gli effetti a breve termine della scleroterpia sono paragonabili a quelli di un intervento chirurgico, a lungo termine invece sono frequenti le recidive.

Intervento Emorroidi: i vantaggi della tecnica ELP

  • ernie inguinali,ombelicali,epigastriche e laparoceli
  • varici degli arti inferiori
  • malattie benigne della regione ano-rettale (ragadi,emorroidi,fistole)
  • interventi urologici (varicocele,idrocele,fimosi,interventi per via trans-uretrale)
  • patologie benigne della mammella

La crioterapia selettiva delle emorroidi è una tecnica ambulatoriale ideata dal dott.

Il Metodo Longo è una tecnica chirurgica ideata dal dott. Queste complicanze possono essere risolte rivolgendosi ad un chirurgo esperto che abbia esperienza nel praticare l’intervento con Metodo Longo. La dearterializzazione emorroidaria doppler guidata è una tecnica chirurgica relativamente recente ma che viene pubblicizzata come soluzione non invasiva al problema della malattia emorroidaria. Proprio come la tecnica Longo, anche il Metodo THD mira a preservare le funzioni biologiche delle emorroidi. La laserterapia o Metodo HeLP è un intervento ambulatoriale di recente introduzione ideato dal dott. “Per il quarto grado è assolutamente necessario l’intervento tradizionale di asportazione delle emorroidi o emorroidectomia. La tecnica usata è stata la emorroidectomia secondo Philips con elettrobisturi (che non prevede la legatura dei penducoli). Possibile che poi mi ritrovi con un post operatorio simile all intervento per emorroidi con il laser? Il costo di 1.500 Euro è in linea con questo tipo di intervento?

Intervento Emorroidi: gli svantaggi della tecnica ELP

  • conservazione della cute del bordo anale e della sua sensibilità
  • riduzione del dolore postoperatorio (più dell’80% dei pazienti lamenta solo un minimo dolore nelle prime 24-48 ore)

MI assicura quindi non porti dolore come per le operazioni alle emorroidi?

Oltre al tipo di intervento subito, per essere più completo puoi indicare il grado di emorroidi, il livello di dolore, e quanto sei soddisfatto dei risultati. Operazione rimborsata dal servizio sanitarioL’operazione richiede 30-45 minuti, in anestesia locale, e rientra nei costi di intervento alle emorroidi rimborsati dal Servizio sanitario nazionale. Per avere maggiori informazioni sulla cura delle emorroidi e sulla nuova tecnica chirurgica dell’ELP non esitare a contattarmi. Il sanguinamento durante l’intervento ed il dolore postoperatorio sono sempre stati i problemi principali della chirurgia proctologica sia per il chirurgo che per il paziente. Questa tecnica prevede l’accurata identificazione delle arterie emorroidarie mediante Doppler e la loro legatura a livello del retto inferiore. 2° e 3° grado iniziale, preferendosi un intervento chirurgico tradizionale nelle emorroidi di 3° grado con prolasso mucoso voluminoso ed in quelle di 4° grado. La persistenza della sintomatologia e il notevole disconfort trovano il più delle volte soluzione con l’ intervento chirurgico. I vantaggi della tecnica sono legati al rispetto di tutta la porzione sensibile del canale anale; zona cutanea, epitelio di transizione, cuscinetti emorroidari, e all’assenza di ferite chirurgiche. Se la morbilità della tecnica è comparabile a quella della chirurgia emorroidaria classica, le complicanze possono essere fastidiose ed eccezionalmente gravi.

  • Trattamento Emorroidario
  • Malattia emorroidaria e sue cause: anatomia
  • Dalla Scleroterapia alla Fleboterapia emorroidaria rigenerativa
  • Strumentazione
  • La Sclèrose Des Hemorroides

In Europa e nel mondo sono oltre 5.000.000 gli interventi realizzati anche se molti medici ritengono questa tecnica ancora iniziale e quindi da valutare.

Anche le emorroidi di IV grado, non riducibili manualmente, ma riducibili durante l’intervento, sotto anestesia, possono trovare indicazioni. E’ sempre presente un prolasso della mucosa rettale che determina la discesa delle emorroidi al di fuori del canale anale. Anche questa tecnica, come la precedente, non è risolutiva e i risultati non sono eccezionali ma la metodica è ben accetta dal paziente. L’unica limitazione della tecnica sembra essere l’impossibilità di trattare la patologia emorroidaria associata a cospicuo prolasso, laddove occorre la rimozione dei tessuti. Ti consiglio due link, per capire e comprendere come curare le emorroidi senza ricevere operazioni chirurgiche: Le cure senza operazione, sono molto apprezzate dalla maggioranza dei pazienti affetti da emorroidi. I suoi vantaggi principali sono: l  Radicale: infatti dopo l’intervento, non sarà necessario ricorrere ad altri metodi o sistemi di prevenzione e scomparsa definitiva delle emorroidi. loading… Emorroidi: Eliminarle definitivamente con la tecnica ELP In generale i trattamenti per le emorroidi possono essere di tipo parachirurgico (ambulatoriale) o chirurgico (tradizionale). Questa tecnica di chirurgia per le emorroidi utilizza un apposito proctoscopio e una sonda Doppler che consentono la localizzazione dei rami Cause più frequenti delle emorroidi sono la stitichezza, ma anche alcune cause “fisiologiche” come le gravidanze, a causa dell’aumento della pressione addominale e dell’utero gravidico che preme sul retto.

Nei casi più gravi occorre risolvere le emorroidi con un intervento chirurgico; molte sono le tecniche adottate, la quasi totalità prevede l’asportazione del tessuto emorroidario, manualmente, o con suturatrici meccaniche.

TRATTAMENTI DI ULTIMA GENERAZIONE DELLE VENE VARICOSE E TRATTAMENTO LASER DELLE EMORROIDI: la terapia sclerosante con “Tecnica Scleromousse” della safena e dei rami collaterali che si effettua ambulatorialmente. Il trattamento con “Tecnica Laser” della safena e il trattamento laser HeLP delle emorroidi si effettuano in regime di Day Surgery. Università Gemelli – Roma Il metodo THD è un trattamento chirurgico della patologia emorroidaria, alternativo rispetto alle tecniche chirurgiche tradizionali. Tale intervento blocca l’afflusso di sangue responsabile del rigonfiamento delle emorroidi e laddove necessario, riposiziona i cuscinetti nella loro sede naturale; medico [#1] dopo 9 ore 60% attività 20% attualità 20% socialità L’help e’ un intervento non resettivo utilizzato nella cura della malattia emorroidaria con prolasso. pazienti anche a Milano e sicuramente è una delle migliori tecniche proctologiche per la cura delle Emorroidi in quanto: Non esistono controindicazioni e data la scarsa invasività, è di fatto Il metodo si chiama dearterializzazione emorroidaria mediante laser e questa soluzione innovativa viene applicata sempre più di frequente con grande soddisfazione dei pazienti che soffrono per le emorroidi. La formazione di coaguli di sangue nelle gambe si mostra di solito un paio di giorni dopo l’intervento chirurgico; essa causa gonfiore alla gamba e molto dolore . Successivamente all’intervento, si può effettuare una terapia farmacologica per ammorbidire le feci, ma l’alimentazione può essere ripresa il giorno stesso dell’intervento, In questo intervento si utilizzano le proprietà del laser che ha la capacità di “prosciugare” le emorroidi dall’interno senza asportarle chirurgicamente. Gli interventi ambulatoriali hanno l’obiettivo di decongestionare le emorroidi attraverso modalità meccaniche (legatura elastica), chimiche (scleroterapia) e termiche (crioterapia e laserterapia). Può essere usata per curare emorroidi di 1°, 2°, 3° grado in combinazione con la legatura elastica e nella trombosi emorroidaria. La crioterapia non viene considerata una tecnica adeguata per la cura delle emorroidi dalle società colonproctologiche italiane SICCR e SIUCP in quanto non ha dimostrato risultati duraturi. L’intervento è indicato per emorroidi interne di 3° grado e per i prolassi di 2° e 3° grado della mucosa rettale. L’emorroidectomia è un intervento molto serio e deve essere ben compreso (specialmente i rischi e gli effetti collaterali) prima di decidere di sottoporsi a questo tipo di operazione. Il primo e secondo grado sone responsive ad un trattamento conservativo con terapia medica e/o legatura elastica/coagulazione. In casi selezionati è possibile effettuare un intervento di dearterializzazione senza asportazione chirurgica delle emorroidi. La pratica clinica ha dimostrato che questo metodo può essere applicato convenientemente alle emorroidi di II e III grado con associato, modesto prolasso mucoso.